Votazione su Facebook per il Ddr

0
Posted 6 dicembre 2012 by admin in Curiosità
facebook-friends-32

Anche su Facebook è tempo di referendum.

Per una settimana intera, ovvero fino al prossimo 10 dicembre, sarà possibile dire la propria in merito ai cambiamenti proposti dal social network sulle proprie politiche.

In particolare ci riferiamo alle modifiche pubblicate da Facebook in merito alla Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità (Ddr) e alla Normativa sull’utilizzo dei dati, che aveva dato il via ad una serie di proteste di alcune associazioni volte alla tutela della privacy per gli utenti.

Tra i tantissimi cambiamenti proposti è presente anche il diritto di voto, per cui è stata avanzata la fase di eliminazione.

Il referendum che gli utenti affronteranno darà un giudizio sulla possibilità di potersi giocare in futuro la possibilità di poter esprimere le proprie preferenze sulle modifiche alla normativa.

Secondo Ars Technica questa iniziativa potrebbe essere l’ultima chiamata al voto sui cambiamenti politici di Facebook.

Oggi verrà chiesto  agli utenti iscritti a Facebook di far sapere i documenti attraverso cui gli utenti vorrebbero che fosse regolata la gestione dei propri dati, ovvero quelli esistenti o quelli proposti.


Attualmente le preferenze per gli attuali sono in notevole vantaggio, ben dieci volte di più rispetto a quelli modificati.

Con questo la prossima volta Facebook non avrà più bisogno del voto degli utenti per approvare le modifiche alle proprie politiche.

Ora è la fase dei voti, e come ha scritto nel commento di apertura dei saggi Elliot Schrage, Vice President, Communications, Public Policy and Marketing di Facebook: “Come indicato in entrambe le normative, se vota più del 30% di tutti gli utenti attivi registrati, i risultati saranno vincolanti. Se la percentuale di utenti che partecipa al voto sarà inferiore al 30%, i risultati saranno a titolo orientativo”.

Con le nuove modifiche il social network potrà acquisire la possibilità di condividere i dati dei propri utenti attraverso le tante aziende secondarie come la Instagram, acquisita a inizio anno.

 


About the Author

admin


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)